Aumento costi patente, autoscuole unite contro l’applicazione dell’IVA

Molte autoscuole contestano l’applicazione dell’IVA ai servizi di formazione automobilistica ed il conseguente rincaro dei prezzi ricaduto su chi vuole conseguire una patente.

Questa settimana si è tenuto un incontro con la presenza di tante autoscuole di tutta Italia, organizzato a Roma dalle associazioni di categoria CONFARCA E UNASCA, per chiarire un punto importante: le scuole guida sono delle scuole a tutti gli effetti. Insegnano a guidare in sicurezza e pertanto è indiscutibile che svolgano un ruolo sociale fondamentale come anche gli altri istituti di formazione. Per questa ragione alle patenti non dovrebbe essere aggiunta l’IVA, come avviene invece per i prodotti e servizi tradizionali. .

Di conseguenza i servizi legati al conseguimento delle patenti di guida generano ora un costo in più per i nostri allievi, costretti a pagare il 22% in più i corsi di conseguimento delle patenti. Sappiamo quanto il 22% in più possa pesare sulle tasche di una famiglia. L’evento di questa settimana è stato organizzato per limitare questa conseguenza, protestando civilmente contro il rincaro dei prezzi ricaduto sui nostri servizi e sulle vostre tasche.